Facebook

Regionali, la ricetta di Mancini: “Bisogna superare il dualismo Iorio-Patriciello”

L’intervento dell’esponente del Movimento Nazionale per la Sovranità a margine dell’incontro delle forze del centrodestra che si è tenuto a Isernia in vista del prossimo appuntamento elettorale

ISERNIA. Il centrodestra può riconquistare la Regione Molise, ma c’è bisogno di ritrovare unità e amore per il territorio. E soprattutto superare il dualismo ‘Iorio-Patriciello’. Ne è convinto l’esponente per il Movimento Nazionale per Sovranità Giovancarmine Mancini, intervenuto a margine dell’incontro che si è tenuto a Isernia e che ha visto il confronto tra partiti e movimenti civici.

Giovancarmine Mancini, Quali i punti sui quali il centrodestra deve ritrovare unità?
Innanzitutto l’amore per il nostro territorio, per un Molise martoriato e martirizzato che viene fuori da un’esperienza disastrosa che è quella del centrosinistra, dove tutto è stato tremendamente chiuso, il Molise ormai è terra soltanto per extracomunitari, gli italiani vanno via tutti, dei nostri ragazzi non c’è più nemmeno un laureato che rimane nei nostri centri, il che è drammatico. Quindi amore per il nostro territorio, un programma condiviso di pochi punti essenziali che partano appunto dal lavoro, dal rilancio delle varie attività commerciali e industriali, completamente debellate. Non è che nel periodo precedente si stava tanto bene, tant’è vero che io da destra contrastavo anche quel tipo di politica, ma adesso dobbiamo davvero tutti quanti alzare la testa e andare tutti uniti a questo appuntamento elettorale con un centrodestra rinnovato, serio, credibile, forte e che abbia le idee chiare finalmente.