Facebook

Regionali, la ricetta di Mancini: “Bisogna superare il dualismo Iorio-Patriciello”

L’intervento dell’esponente del Movimento Nazionale per la Sovranità a margine dell’incontro delle forze del centrodestra che si è tenuto a Isernia in vista del prossimo appuntamento elettorale

ISERNIA. Il centrodestra può riconquistare la Regione Molise, ma c’è bisogno di ritrovare unità e amore per il territorio. E soprattutto superare il dualismo ‘Iorio-Patriciello’. Ne è convinto l’esponente per il Movimento Nazionale per Sovranità Giovancarmine Mancini, intervenuto a margine dell’incontro che si è tenuto a Isernia e che ha visto il confronto tra partiti e movimenti civici.

Giovancarmine Mancini, Quali i punti sui quali il centrodestra deve ritrovare unità?
Innanzitutto l’amore per il nostro territorio, per un Molise martoriato e martirizzato che viene fuori da un’esperienza disastrosa che è quella del centrosinistra, dove tutto è stato tremendamente chiuso, il Molise ormai è terra soltanto per extracomunitari, gli italiani vanno via tutti, dei nostri ragazzi non c’è più nemmeno un laureato che rimane nei nostri centri, il che è drammatico. Quindi amore per il nostro territorio, un programma condiviso di pochi punti essenziali che partano appunto dal lavoro, dal rilancio delle varie attività commerciali e industriali, completamente debellate. Non è che nel periodo precedente si stava tanto bene, tant’è vero che io da destra contrastavo anche quel tipo di politica, ma adesso dobbiamo davvero tutti quanti alzare la testa e andare tutti uniti a questo appuntamento elettorale con un centrodestra rinnovato, serio, credibile, forte e che abbia le idee chiare finalmente.

Quando arriverà il nome del candidato?
Io spero il più presto possibile, perché la gente vuol sapere giustamente anche chi è il candidato presidente.

Centrodestra rinnovato, ma finora il dualismo Iorio Patriciello tiene banco.
E questo che per me che li ho sempre combattuti è estremamente deleterio, perché il centrodestra dev’essere appunto rinnovato, credibile e non buono soltanto per salirci sopra quando è tempo di centrodestra. Quindi chi ha governato col centrosinistra per me può rimanere dov’è, chi vuol andare da solo perché d’accordo con Frattura per spaccare il centrodestra può farlo, io sono andato tante volte da solo, se Iorio ha tutta questa voglia si accomodasse, ma noi andiamo avanti e incontriamo la gente che non ne può più.

Legge elettorale. Lei è sostenitore del collegio unico da sempre, ma la proposta in tal senso sembra essersi arenata.
Credo che alla fine la legge elettorale non si faccia.

da: www.isnews.it